Correttori in crema: come scegliere il colore...

Le nostre offerte mensili

€ 15,55 € 12,50

Correttori in crema: come scegliere il colore giusto 23 Gennaio 2020

Vita frenetica, smog, cattiva alimentazione, sono tante le ragioni che possono spegnere il colorito della nostra pelle e causare imperfezioni o piccoli inestetismi. Per fortuna abbiamo dalla nostra parte dei grandi alleati, i correttori in crema. Capaci di migliorare l'aspetto del nostro incarnato, mimetizzano rossori, occhiaie e segni causati dal tempo, donando al nostro viso un colorito sano e luminoso.

Ma come si usano e come scegliere quello più adatto per una resa perfetta?

I correttori in crema si applicano generalmente prima del fondotinta con l'aiuto di un piccolo pennello piatto, di una spugnetta a goccia o con le dita. Si dividono in quattro tipologie di colore: giallo, viola, arancione e verde.

I correttori gialli sono in grado di annullare le imperfezioni grazie alla sovrapposizione di colore. Sono ottimi per coprire occhiaie violacee, borse sotto gli occhi o capillari visibili.

Diverso è il caso in cui gli inestetismi da nascondere siano di colore tendente al blu come le cicatrici scure o le macchie della pelle causate da una scorretta esposizione al sole. In questo caso la nuance ideale è quella dei correttori arancioni.

Per ridurre qualsiasi tipo di rossore della pelle, cicatrici da acne, eritemi o alterazioni della cute i correttori verdi sono l'alleato numero uno perché uniformano il colorito creando un effetto naturale e delicato.

Infine, per ravvivare il vostro incarnato e donargli un aspetto luminoso dovete scegliere i correttori viola capaci anche di attenuare il colorito grigiastro delle pelli danneggiate dal fumo o quello tendente al giallo delle carnagioni olivastre.

Chiedete consiglio al vostro farmacista di fiducia e non dimenticatevi che la pelle è l'indicatore del nostro benessere. Una corretta alimentazione e uno stile di vita sano vi aiuteranno ad avere una carnagione perfetta!
Ultime news
  • Detergente viso: quale fa per me?

    11 Febbraio 2020

    La detersione è il primo gesto di bellezza per avere una pelle luminosa e libera da impurità.

    Un gesto semplice che nasconde, però, numerose complessità.

    La prima? La scelta del detergente: tra prodotti schiumogeni, oleosi, acquosi o in crema, il ventaglio è talmente ampio da mandarci in confusione.

    Ecco un veloce guida ai detergenti viso acquistabili in farmacia, per individuare quello perfetto per ogni tipo di pelle.

    • Acqua micellare: grazie alla sua formulazione leggera e lenitiva, è indicata per purificare e addolcire ogni tipo di pelle, anche nelle zone più sensibili, come labbra e contorno occhi. Facile da applicare con un batuffolo di cotone, agisce senza risciacquo: il sistema di micelle richiama lo sporco, lo scioglie e lo rimuove in una sola passata.
    • Detergente in gel: è indicato per le pelli più grasse o sebacee, che diventano lucide facilmente. Grazie alla formulazione leggera e a base acquosa, lasciano la pelle rinfrescata e detersa nel profondo. Chi ha un’epidermide particolarmente grassa, però, deve fare attenzione a non scegliere prodotti troppo astringenti, pena un effetto opposto: la ghiandola sebacea, eccessivamente stimolata, può reagire producendo più grasso. Meglio optare, quindi, per formulazioni a pH acido.
    • Latte detergente: è suggerito a chi ha una cute particolarmente secca e irritabile. Il motivo? Il fluido non solo purifica e rimuove dal viso tracce di trucco e sporcizia, ma lascia la pelle idratata e morbida. Tra i prodotti disponibili, chi desidera una detersione efficace ma dolce, può optare per quelli a formulazione emolliente, con principi attivi cheratolitici.

    Hai ancora dubbi?

    Chiedi consiglio al tuo farmacista: valutando da vicino il tuo tipo di pelle potrà indicarti il prodotto più giusto per detergere a fondo, rispettando il pH della tua epidermide.

  • Collirio: ecco le tipologie principali

    08 Febbraio 2020

    Possono dare sollievo agli occhi stanchi, idratare le pupille secche o curare patologie oftalmiche, come cataratta o congiuntivite: i colliri sono medicinali, sia da banco che acquistabili dietro prescrizione medica, in grado di favorire il benessere dell’occhio.

    Quanti ne esistono in commercio? Le varianti di collirio disponibili in farmacia sono davvero numerose e utili a risolvere disturbi di diversa natura.

    Ecco una veloce guida per comprendere come vengono classificati i colliri.

    1. Colliri per occhi secchi

    Sono formulati con sostanze umettanti per dare sollievo agli occhi affaticati e inariditi, donando la giusta idratazione e ripristinando il corretto livello di umidità oculare. Utili per lenire la secchezza causata da fattori esterni come vento, smog o eccessiva esposizione a schermi elettronici, i colliri per occhi secchi lubrificano e, talvolta, stimolano le ghiandole lacrimali per aiutare la naturale produzione di lacrime.

    1. Colliri antistaminici

    Aiutano a lenire prurito, fotofobia, rossore e lacrimazione oculare dovuti all’azione di agenti allergici, specialmente stagionali. Spesso disponibili come farmaci per automedicazione, ottenibili quindi senza ricetta medica, i colliri antistaminici svolgono un’azione anti congestionante ed agiscono anche come medicinale profilattico, per prevenire l’insorgenza dell’allergia stessa.

    1. Colliri antinfiammatori

    In caso di infezioni critiche o fenomeni flogistici di elevata intensità, quando i farmaci più delicati non hanno mostrato un’apprezzabile efficacia, è possibile ricorrere a colliri arricchiti con principi attivi steroidei. Da utilizzare sempre sotto controllo medico, questi medicinali vanno impiegati per un breve e limitato periodo di tempo, per non correre il rischio di effetti indesiderati anche gravi.

    1. Colliri antibiotici

    Sono formulati per combattere le principali infezioni batteriche che colpiscono l’occhio come, nella maggior parte dei casi, la congiuntivite. Disponibili dietro prescrizione medica, i colliri antibiotici vanno utilizzati sempre sotto controllo specialistico, per verificare la reazione dell’occhio e scongiurare fenomeni allergici.

    1. Colliri per curare il glaucoma

    Esistono colliri formulati per ridurre la formazione di umore acqueo e curare l’alterazione della pressione intraoculare tipica del glaucoma: una patologia importante, che rappresenta una delle principali cause di cecità.

  • Menopausa, ecco come non ingrassare

    06 Febbraio 2020

    Per molte donne eliminare i chili di troppo è una vera e propria missione. Ma cosa succede quando non è solo la nostra volontà a impedire questi fastidiosi inestetismi?

    Intorno ai 45-50 anni le donne entrano in menopausa. In questa particolare fase della vita, si verifica un calo degli estrogeni e questo, come ogni variazione ormonale, può causare diverse conseguenze, tra cui proprio la tendenza ad ingrassare.

    Con l'avanzare dell'età, infatti, il corpo brucia meno calorie e, durante la menopausa, le cellule in cui è contenuto il grasso corporeo aumentano. Questa combinazione di fattori fa sì che, l'energia prodotta in eccesso e non consumata, si accumuli sotto forma di grasso. In più, si assiste ad una diminuzione del tono muscolare e dei tessuti, e a variazioni emotive come l'ansia, che a sua volta può portare a disturbi alimentari. Tutti questi elementi, insieme, concorrono ad aumentare la possibilità di ingrassare.

    Menopausa: stop ai chili di troppo

    Come fare, quindi, per mantenere il proprio peso sotto controllo e affrontare la menopausa mantenendosi in forma? Per prima cosa è importante seguire un'alimentazione equilibrata, privilegiando verdure come cavolfiore, zucca e melanzane e facendo due spuntini di frutta al giorno. In più:

    · consumate un paio di volte la settimana carne bianca e pesce azzurro, ricco di omega 3;

    · condite gli alimenti con olio extravergine d’oliva;

    · bevete tanta acqua;

    · fate attività fisica. Basta camminare 45 minuti al giorno per stare in forma.

    In caso di dubbi chiedete sempre consiglio al personale specializzato: vi sapranno dare tutte le informazioni utili per godervi a pieno questo importante cambiamento di vita con un corpo sano e in forma.

Rubriche
  • SCRUB PER IL CORPO ALLA ZUCCA

    01 Aprile 2020

    Nei precedenti articoli abbiamo preparato diversi trattamenti, utilizzando la zucca e anche questa volta, la protagonista è lei. Infatti, in questa nuova guida di oggi, vi guideremo nella preparazione di uno scrub naturale per il corpo con lo stesso ingrediente. Pulire in profondità la pelle è importantissimo, perché i depositi e gli accumuli delle cellule morte, influiscono peggiorando lo state di salute e di bellezza dell'epidermide del corpo.

    Scrub per il corpo alla zucca

    Vi occorrono:

    3 cucchiai di zucca

    2 cucchiai di olio extra vergine

    2 cucchiai di zucchero di canna

    Dovete semplicemente prendere i 3 cucchiai di zucca eliminando i semi, metterli in una ciotola e con una forchetta schiacciarli in modo da ottenere un risultato simile ad una poltiglia. A questo punto aggiungete i 2 cucchiai di olio extra vergine e i 2 cucchiai di zucchero di canna, procedendo nuovamente mescolando con cura questi ingredienti tra di loro.

    Ora, mettetevi sotto la doccia e con acqua tiepida inumidite la pelle del corpo. Iniziate l'applicazione del vostro scrub alla zucca, effettuando un massaggio per circa 5 minuti in modo intenso, ma senza esagerare (la pressione troppo intensa dello zucchero di canna potrebbe irritare la pelle). Le parti dove potete applicare questo trattamento sono le cosce, i glutei, la pancia, i gomiti e le ginocchia, perché questi sono i punti dove si formano maggiormente gli accumuli di cellule morte.

    Finito il massaggio sciacquate abbondantemente e utilizzate il vostro bagnoschiuma preferito, per completare la detersione del corpo. Ripetete questo scrub almeno 2 volte a settimana per riscontrare effettivi benefici.

    Questo trattamento è ideale, perché nutre la pelle in profondità e garantisce, una piacevole sensazione di morbidezza.

    Vi potrebbe piacere la zucca, per preparare tanti trattamenti di bellezza? Se ancora non l'avete provata, non vi resta che iniziare, perché è un prezioso rimedio naturale, per essere più belle.

    Buon trattamento.

  • I CEREALI INTEGRALI PER GLI SPORTIVI

    25 Marzo 2020

    Chi fa sport perde con estrema facilità energia e sali minerali, ma attenzione, perché se questa carenza diventa eccessiva, possono nascere diversi problemi a sfavore dell'organismo. La scelta di praticare sport o allenarsi semplicemente, per mantenere il proprio corpo in forma, deve essere fatta di un equilibrio dove la mente e il corpo vanno d'accordo, pensano la stessa e soprattutto, lavorano in modo corretto. Più volte abbiamo sottolineato, quanto sia importante l'alimentazione per gli sportivi e in questo nuovo articolo parliamo, dell'importanza dei cereali integrali. Prima di tutto diciamo, che i cereali integrali sono molto importanti, per il benessere fisico dell'organismo e dovrebbero far parte di una sana e corretta alimentazione di ogni essere umano.

    I cereali integrali per chi pratica sport.

    I cereali integrali, a differenza di quelli raffinati non subiscono nessun tipo di lavorazione, infatti proprio per questo motivo contengono molte proprietà benefiche. Questi cereali sono completi della crusca, del germe interno e dall'endosperma, indispensabili per il perfetto assorbimento dei valori nutrizionali. Questi alimenti, oltre l'elevato contenuto di fibre sono ricchi di vitamine esali minerali e apportano la giusta quantità di energia all'organismo, facilitando la sopportazione agli sforzi fisici, evitano il gonfiore addominale e rafforzano le difese immunitarie.

    I cereali integrali, più consigliati per chi fa sport.

    Il riso integrale

    Il farro

    L'orzo integrale

    Il segale

    L'avena

    Il mais

    Il miglio

    Tutti questi cereali integrali elencati, forniscono allo sportivo la giusta quantità di energia, che migliorala sopportazione e la resistenza agli sforzi fisici, ma non solo, perché garantiscono all'organismo, un totale benessere fisico. Potete consumare, questi alimenti una volta al giorno, alternando il consumo con quelli che più rispecchiano il vostro gusto alimentare.

    La salute e il benessere è fondamentale per chi pratica sport , perché queste piccole, ma preziose attenzioni permettono di allenarsi nel modo corretto, senza troppi problemi.

    Buon allenamento.

  • MASCHERA PER IL VISO ALLA ZUCCA

    18 Marzo 2020

    Nel precedente articolo abbiamo preparato la maschera alla zucca nutriente per i capelli, mentre in questa nuova guida, ci occuperemo di preparare una maschera nutriente per tutti i tipi di pelle. Infatti, dovete sapere che la zucca grazie al suo elevato contenuto di vitamine e potenti antiossidanti è in grado di prendersi cura, anche pelle del viso in modo naturale, svolgendo un'azione completa.

    A questo punto senza perderci troppo in chiacchiere andiamo preparare la nostra maschera per il viso alla zucca.

    Vi occorre, mezza fetta di zucca (circa 5 cucchiai abbondanti), 1 cucchiaio di yogurt bianco naturale, 1 cucchiaio di olio extra vergine e il succo spremuto di mezzo limone.

    La preparazione è semplice e richiede pochissimi minuti. Per cominciare, dovete prendere mezza fetta di una zucca eliminando la buccia e i semi. Mettetela in un frullatore e frullatela, fino a rendendola cremosa e soffice. Dopo aver portato a termine questo passaggio ,versate il composto ottenuto in una ciotolo, aggiungendo 1 cucchiaio di yogurt bianco naturale, 1 cucchiaio di olio extravergine e spremete il mezzo succo di un limone. Con un mestolo in legno procedete, mescolando e fate amalgamare con cura gli ingredienti tra di loro.

    Applicate la maschera alla zucca sul viso asciutto e pulito, senza esagerare con le quantità. Stendete il trattamento in modo uniforme evitando, solo le labbra e la zona sotto gli occhi. Lasciate agire per circa 30 minuti e in seguito, sciacquate abbondantemente con acqua tiepida rimuovendo il tutto in modo delicato.

    Ripete questa maschera almeno una volta a settimana in quando nutre e si prende cura della pelle in profondità, garantendo un colorito luminoso e rimuovendo tutto l'accumulo di cellule morte dall'epidermide.

    Ora conoscete la zucca per prendervi cura della bellezza del vostro viso, nel prossimo articolo andremo a realizzare uno scrub per il corpo sempre con lo stesso ingrediente.

    Sfruttate i doni preziosi, perché gli alleati naturali sono messi a disposizione da madre natura. Non ve ne pentirete, anzi li amerete. Saranno sempre e solo un vantaggio ricco di benefici.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.